Centralino: 0422 28 71 11 Per prenotare Visite ed Esami: 0422 21 07 01 Prestazioni Fisioterapia: 0422 28 73 11

Nasce il Repartino anti Covid 19

Nasce il “Repartino”, per accogliere e curare i nuovi pazienti in sicurezza

UN NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO PER COMBATTERE IL CORONAVIRUS

L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 ha imposto nuove procedure e nuovi protocolli non solamente in ORAS ma in tutto il Paese.

Qui, nel nostro ospedale, la preoccupazione  è stata quella di continuare a garantire il benessere dei pazienti e dei dipendenti, adottando nuovi modelli organizzativi. In questo modo abbiamo permesso di garantire la messa in sicurezza l’U.O. di Recupero e Riabilitazione Funzionale – Unità Spinale, ma anche l’adozione di misure efficaci finalizzate a garantire la sicurezza del  personale sanitario e amministrativo dell’intera struttura.

All’interno dell’U.O. di Recupero e Riabilitazione Funzionale – Unità Spinale è stato creato, in un’apposita area, un reparto con pazienti particolarmente vulnerabili: persone che arrivano all’O.R.A.S. da altri ospedali, a distanza di pochi mesi dall’acuzie, con gravi cerebrolesioni e mielolesioni, prive di autonomia e spesso con un quadro immunologico critico.


NASCE IL “REPARTINO” CHE ACCOGLIE E CURA I NUOVI PAZIENTI IN SICUREZZA, GARANTENDO ANCHE TUTTI GLI ALTRI PAZIENTI UNA DEGENZA SICURA
Per garantire la riabilitazione ai nuovi pazienti, e preservando al contempo la salute di tutti gli altri degenti dell’ORAS e del personale ospedaliero, è stato creato all’interno dell’U.O. il cosiddetto “repartino: un’area isolata ma già completamente operativa, una cache da 10 posti letto dove i nuovi pazienti che provengono da altre Terapie Intensive, compresi i soggetti post-covid (ossia negativizzati virologici) possono iniziare da subito il percorso riabilitativo, per poi essere trasferiti in sicurezza nel reparto principale, dopo 14 giorni di isolamento e altri 3 tamponi negativi.
«Non possiamo permettere al Coronavirus di entrare all’ORAS. Per molti dei nostri pazienti, un’infezione acuta rappresenterebbe un rischio troppo grande – spiega la caposala Antonella Manzan – Ci siamo allora posti il problema: come possiamo continuare a dare risposte ai pazienti che arrivano da altre Terapie Intensive? Così lo scorso 23 marzo abbiamo inaugurato il “repartino”, un settore separato dal resto dell’Unità Operativa e con personale specificatamente dedicato. Chi vi entra viene sottoposto a 3 tamponi: a zero, sette e quattordici giorni. Solo in caso di triplo esito negativo, il paziente può essere trasferito in reparto».
Per mettere in moto il “repartino”, l’ORAS ha inserito in organico 10 nuovi infermieri, 1 Oss e 2 fisioterapisti (attraverso l’utilizzo della mobilità interna), uno staff che lavora esclusivamente nell’antireparto come se si trovasse ad operare in un’area Covid, indossando rigorosamente i Dpi obbligatori: mascherine Ffp2 o Ffp3, sovracamici, visiere e occhiali, cuffie e copriscarpe. Non solo, ma per dare  un supporto quotidiano ai pazienti privi di autonomia  e che non possono essere assistiti dai familiari (che non possono accedere al reparto sempre per garantire la sicurezza dei degenti),  è arrivato in supporto  personale prima occupato all’interno di  ORAS presso servizi momentaneamente sospesi o che hanno dovuto ridimensionare la propria attività (Pneumologia, Cardiologia, Ortopedia).

ORAS MOTTA: IL NOSTRO OBIETTIVO È PROTEGGERE I NOSTRI PAZIENTI, MA ANCHE GARANTIRE AI NOSTRI MEDICI, INFERMIERI, OPERATORI IL MIGLIO AMBIENTE POSSIBILE PER LAVORARE
«Qual è la nostra mission in questa guerra al Covid19? – si domanda il dott. Humberto Cerrel Bazo, primario dell’U.O. di Recupero e Riabilitazione funzionale e Unità Spinale – Continuare ad assicurare in primis la salute dei soggetti fragili e di chi li cura ma anche la massima qualità ed efficacia del percorso riabilitativo. È fondamentale che tutto il personale ORAS, così come i pazienti e i loro cari, siano consapevoli che qui la sicurezza sanitaria viene prima di tutto, perché è l’unica condizione che ci permette di seguire adeguatamente i nostri pazienti, che hanno bisogno di molto. Per questo motivo, tutti i lavoratori sono stati sottoposti più volte ai tamponi, che per fortuna hanno finora restituito sempre esito negativo».
La metodica organizzativa dell’ORAS si è dimostrata efficace, e l’U.O. di Recupero e Riabilitazione Funzionale – Unità Spinale, che a pieno regime conta 51 ricoverati, oggi sta ospitando ed erogando servizi a 48 pazienti.   Il dr. Francesco Rizzardo, Amministratore Delegato di ORAS, spiega come «Il Covid si contrasta con le norme e i protocolli, ma anche con la diffusione di una nuova cultura organizzativa. In questo senso il repartino sta rappresentando uno strumento di miglioramento umano e professionale per tutta l’équipe ORAS, perché il personale proveniente da reparti diversi condivide informazioni, competenze, esperienze, generando maggiore coesione in funzione del servizio al paziente».
Skip to content